Il caso nel Regno Unito dimostra l'importanza di avere la giusta politica di monitoraggio dei dipendenti

dipendente-monitoraggio-app-theonespy

L'EAT, il Tribunale britannico per l'occupazione, ha respinto il reclamo del lavoratore al suo diritto di violazione della sua vita e ha confermato che un datore di lavoro ha diritto monitorando il posto di lavoro le e-mail e l'utilizzo di Internet del dipendente fino a quando esiste una chiara politica in atto, nel caso di Atkinson / Community Gateway Association.

Mr. Atkinson, il dipendente ha affermato licenziamento costruttivo e ingiusto. Per il suo comportamento, il datore di lavoro di Mr Atkinson ha acceduto alle sue e-mail e ha scoperto di aver inviato messaggi apertamente sessuali ad un suo amico e aveva persino cercato di farle una posizione con il datore di lavoro. Prima di procedere disciplinari contro di lui, Mr. Atkinson si dimette e si lamentava del fatto che i procedimenti avvenivano in un modo che corrispondeva alla violazione repudiatoria.

Uno dei punti su cui è stato presentato un ricorso è stato se il Tribunale per l'occupazione avesse commesso in passato un errore nella legge nel constatare che il datore di lavoro accedere alle e-mail del suo dipendente non costituiva una violazione del diritto dei lavoratori al rispetto della vita privata e familiare che rientra nell'ambito dell'articolo 8 della CEDU, la Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

L'EAT ha rilevato che, a norma dell'articolo 8 della CEDU, il diritto di Mr. Atkinson alla privacy non era stato violato dal suo datore di lavoro semplicemente perché quest'ultimo aveva indagato il suo account di posta elettronica mentre l'inchiesta disciplinare era in corso e ciò era conforme a Internet e all'Email Politica di utilizzo accettabile applicata dal datore di lavoro sul luogo di lavoro. Anche il dipendente aveva scritto questa politica ed era stato responsabile della sua esecuzione. Pertanto, il dipendente non aveva una solida base o aspettativa di privacy basata su tali fatti.

L'EAT ha anche passato in dettaglio la politica e, tra l'altro, ha affermato che gli utenti dei sistemi informatici del datore di lavoro erano legati da esso e che le e-mail sarebbero state monitorate, anche a fini di indagini e che non dovrebbero essere considerato privato.

La decisione di EAT sul Tribunale per l'occupazione è considerata vincolante e probabilmente è persuasiva in casi simili che dovrebbero apparire in futuro prima della EAT e della High Court. Un tale esempio indica chiaramente quanto sia importante per un datore di lavoro avere un'organizzazione ben elaborata e chiara di posta elettronica che spiega chiaramente e definisce ciò che è e non è considerato appropriato per quanto riguarda le e-mail e l'uso del computer nel posto di lavoro. Senza questa politica, il risultato, in questo caso, potrebbe essere stato molto diverso.

Quindi, i datori di lavoro dovrebbero tenere in mente casi come questi e altri quando stanno progettando politiche per il loro posto di lavoro. Mentre l'utilizzo di posta elettronica e Internet non sembra essere un grande affare, è sempre meglio essere sicuri fin dall'inizio, piuttosto che affrontare i problemi più tardi.

Ti potrebbe piacere anche

Per tutte le ultime notizie di spionaggio / monitoraggio dagli Stati Uniti e da altri Paesi, seguici su Twitter , come noi Facebook e iscriviti al nostro Youtube pagina, che viene aggiornata quotidianamente.

Altri post simili

Menu